PARTIRE PER TORNARE

La seconda cosa che si fa al rientro in ufficio,
una volta che la sabbia è stata scrollata di dosso,
che l’abbronzatura del viso è sbiadita,
che si è presa dall’armadio una copertina per la notte,
è senza dubbio controllare quando saranno le prossime vacanze.

partire- tornare- viaggiare- settembre
pinterest.com

 

Basta un ponte,
una ricorrenza (solo io mi prendo ferie per il mio compleanno?!?),
un motivo per ripartire e così sognare.

Luoghi, persone, colori, sapori nuovi.
Ma il viaggio è uno stato d’animo.
L’attitudine a dire “andiamo”
senza mettere troppi paletti,
ma con la sola voglia di mettere a freno la propria curiosità.

partire- tornare- viaggiare- settembre
blog.freepeople.com

 

Di capire e scoprire posti,
volti e abitudini diverse (per apprezzare così anche le proprie).

Ma anche di avere, nella nostra quotidianità, delle piccole “passaporte”
(per chi non conoscesse Harry Potter sono dei varchi che ti portano altrove)
per ricordare ed evadere.
Bastano un libro, una foto, una canzone, un film
e in pochi attimi si può esser già in viaggio.

partire- tornare- viaggiare- settembre
Harry Potter

 

L’importante – credo – è non fermarsi mai.
Nel cercare, guardare e capire.
Che non sono altro il DNA del vero viaggiatore.

Cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *