METTI UNA SERA, LO SMOKING

Esistono capi “intramontabili” che dovrebbero essere presenti nell’armadio di tutte noi.
 
photo by Tim Walker
 
 
Che sia una camicia bianca, un tubino nero o la ballerina inseparabile, una cosa è certa: la loro caratteristica di “eternità” è data dalla semplicità. 

 
Catherine Deneuve e Yves Saint – Laurent
 
 
Anche di sera. 

Soprattutto in occasioni speciali con connotazioni di “unicità”. 

 
Victor Victoria, 1982
 
 
Il termine “evento”, spesso abusato, stimola creatività latenti e pericolose in molte donne, accecate dal desiderio di stupire (a volte ci riescono, perché il loro vestita sembra “rubato” direttamente dagli abiti di scena del Circo Orfei). 

 
Moira Orfei
 
 
Nel “Mare Magnum” di trine e merletti, paillettes e lustrini per stupire, la “semplicità non banale” è la bussola per meglio orientarsi. 

 
Il Club delle prime mogli, 1996
 
Dal 1966, abbiamo un arma in più: lo smoking riletto in chiave femminile. 

Ringraziamo, tutte insieme e in coro, il maestro Yves Saint Laurent che ne creò il primo modello, il celeberrimo n.262. 

 
Yves Saint Laurent e Catherine Denevue
photo by marie claire
 
 
Lui che sconvolse, con questa idea  brillante, le “Grande Soirée” di tutto il mondo. 

Ammaliò cantanti ed attrici come Francoise Hardy ed Elsa Martinelli, lasciò senza parole le donne “conservatrici” costrette in abiti rigorosamente lunghi e banali. 

 
Francoise Hardy – Bianca Jagger – foto d’archivio YSL
 
 
Oggi, a fianco delle sue versioni più “classiche” ce ne sono alcune rivisitate, mantenendo immancabilmente il tratto distintivo dell’abito, ovvero i “revers”. 

 
coutouresnob.com
 
 
L’ironia vuole che  lo smoking, pur essendo un abito maschile, è in grado di valorizzare la femminilità di molte donne che lo sfoggiano. 

 
Kate Moss – Sophie Marceau – Blake Lively – Olivia Palermo
 
In fondo, se il cartoncino recapitatoci a casa, con il nostro nome scritto elegantemente a mano, recita l’invito ad indossare la cravatta nera, non sarebbe scortese astenersi? 🙂
 
Inès de la Fressange
 
 
Cosa ne pensate?

48 comments

  1. Nonostante la moda e le riviste ci propongono paiettes, piume, spacchi, pizzi e quant'altro…
    come hai scritto giustamente tu la semplicità per certe occasioni è il miglior biglietto da visita, ovvero camicia bianca e abito nero 🙂

  2. Bellissimo post…che dire YSL è semplicemente un genio solo per aver pensato che un tailleur maschile potesse essere tanto sensuale se indossato da una donna…comunque sono anche io per la semplicità in questi ultimi tempi…tutte queste esagerazioni da circo mi hanno un po' stufata….W il sempiterno binomio camicia bianca/pantalone nero!!

  3. Trovo che sia molto affascinante una donna vestita in abito maschile.
    Ma bisogna avere anche la forma del corpo che lo consente… Credo che una caratterstica fondamentale per indossarli con stile sia avere poco seno.

  4. Grazie di essere passa ta dal mio blog! Vero, verissimo anzi! I capi più semplici sono quelli che non passano mai di moda, che anche se li abbiamo nel guardaroba da un paio di stagioni, possiamo indossare con disinvoltura e dichiarare vintage. Lo smoking, ma soprattutto il blazer, come dimostrato da Emanuelle Alt, passa dal giorno alla sera aggiungendo un accessorio prezioso ed un tacco 12!

  5. Condivido in pieno, lo smoking per le donne è stata e rimane un grande elemento di stile e distinzione ed eleganza, certo bisogna trovare quello unico e perfetto, ma è sicuramente un capo che può stare bene a tutte le donne :))) bellissimo post, le immagini sono sempre bellissime e curatissime, il tuo blog è veramente unico !!!!
    baci Clo

    http://latelierdelachouette.blogspot.it

  6. La donna in smoking è elegante e sexy. Grazie YSL.
    Complimenti per il blog, mi sono dilettata a leggere anche i post sul matrimonio e le regole per una perfetta padrona di casa. Mi piace il modo in cui scrivi. Ti seguirò.

  7. Sono perfettamente d'accordo con te!
    Lo smocking femminile… che genialata per l'epoca. la donna dovrebbe imparare dalle icone di quella volta, tornare a valorizzare il proprio corpo. La donna dovrebbe comunicare anche senza parlare, se ha il vestito giusto. Fosse anche uno smocking o un più semplice tailleur pantalone.

    http://www.airalipassion.com

  8. olá vim pedir sua amizade !!! seu blog é muio interessante já estou seguindo ele se puder me visite e siga por favor o meu e assim espero surgir uma linda amizade virtual Deus te abençoe !!DIANA
    ____8888___88888888___8888
    ___888888_8888888888_888888
    ___888888888888888888888888
    ___888888888888888888888888
    ____8888888888888888888888
    _____88888888888888888888

  9. Evviva YSL. Evviva la semplicità. Ma anche gli intramontabili non sono sempre mettibili, purtroppo la moda cambia anche di vestibilità. E quello che abbiamo nell'armadio come capo basico e immancabile non è mai della giusta lunghezza o larghezza o…

    Teresa d.

  10. Io però, come al solito, mi sono persa mille post!!!

    Adoro i completi! Secondo me sono ultra femminili se sapientemente tagliati e accessoriati.

    Boccio solo Blake Lively, ma unicamente perché mi ha rubato il marito!:)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *