SE DICO “CARRIE” A COSA PENSATE?

L’inverno, si sa, ha il potere di favorire il letargo.
Forse perché  in un’altra vita eravamo sicuramente tutti degli orsi, amanti delle cose dolci e sempre pronti a ritirarsi nella propria tana al primo freddo.
google images
 
Non è una notizia sconvolgente il fatto che questo è il momento dell’anno più indicato per godersi la casa, il divano e le persone che ami. 
 
E  rivedere per la milionesima volta i nostri film e telefilm preferiti.
Quelli di cui conosci ogni battuta, 
ma che hanno ancora il potere di sorprenderti.
Come “Sex and the City”.Perché se c’è chi è cresciuto a “pane e Nutella”,

c’ è  anche  chi è diventato  adulto a “pane e Sex and the City”.

 

 
Una generazione di giovani donne che, 
attraverso una serie televisiva di successo, 
ha capito che il suo microcosmo fatto di
problemi amorosi, relazionali, frivoli e di lavoro,
non è una “sfiga cosmica personale”, 
ma una caratteristica molto diffusa nel mondo femminile.
Perché altre, come te, l’hanno vissuta.
Condivisa.
Superata.
(Nessuna ne è stata esonerata – per il nobile principio di “mal comune mezzo gaudio”).
 
 
Sex and the City per tutte noi è una pausa di riflessione e svago.Perché chiamarla semplicemente “serie televisiva” è riduttivo.

 

 
 
E’ una vera e propria panacea, come la causa di ogni male: 
ogni puntata è uno spunto di riflessione e uno stimolo a fare shopping.
Forti della convinzione che attraverso l’acquisto di scarpe e borse, 
prima o poi, l’economia, grazie a noi, 
comincerà nuovamente a girare.
Ma è anche un vero proprio “manuale” sulle donne
sulla loro emotività, paturnie, complessi in formato “tv”. 
 
 
 
Da consigliare e regalare ad ogni componente di sesso maschile.
Potrebbero sicuramente capirci un po’ di più.
Di come siamo complesse, 
vulnerabili e sensibili.
Ma anche ambiziose, determinate e multitasking.

 

 
 
 
 
E di come con dei piccoli gesti nei nostri confronti potrebbero risolvere “casi di Stato” e che a noi certe cose frivole e materiali  rendono molto felici.
 
 
Tutte noi almeno una volta avremmo voluto essere Carrie:per come era vestita (ricordandoci tuttavia che certe mise sono un po’ troppo audaci da replicare all’Esselunga.. è pur sempre un telefilm),
 

 

per come certi pensieri sembrano i nostri, 
perché tutte noi abbiamo un Mr Big e un Aiden,

 
 
per il semplice fatto che ameremmo riuscire a portare scarpe con i tacchi a spillo senza “plateau” tutto il giorno con la stessa disinvoltura di come portiamo i biker boot.
 

 

Anche voi l’avete amata come serie, l’amate tutt’ora e probabilmente anche fra dieci anni?


 
Sex and the City
 

 

P.S. Facciamo una petizione affinché producano altre serie? 

A me personalmente i due film non sono bastati.


 

Latest Comments

Post A Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *