SALUTI & BACI

Ci sono gesti retrò che fanno la differenza.

Forse perché sono caduti in disuso e per  ciò  ti stupiscono quando li rivedi.
Come le cartoline.

google images

 

Oramai basta Facebook, Instagram, WhatsApp e gli MMS per mandare a chi non è con noi un pensiero. 
Ma la rapidità del gesto è pari alla sua memoria in chi riceve l’immagine: quella di un nanosecondo.
La cartolina invece rimane,
sia per la sua natura “fisica” sia perché lei è in grado di trasmettere il  tempo che dedichi a chi è lontano:

– la scelta
– la ricerca della frase giusta (la frase standard è degna degli  sms seriali durante le festività)
– scrivere indirizzo
– affrancarla  e imbucarla
– riceverla
– leggerla e rileggerla una volta saliti in casa
– usarla come segna libro e rivederla così ogni giorno
Il suo essere una sorta di telefonata o un sms indiretto,
con il suo retrogusto amarcord non può che conquistare.

google images

 

Non è un obbligo. 
Né tanto meno un’azione da fare sistematicamente ogni qualvolta si parte o da aspettarsi.
E’ un pensiero estemporaneo.
google images

 

Inutile dire che va evitata come la peste la cartolina – sfoggio
(e anche l’immagine/tweet/post per far vedere che “io c’ero” e “quanto sono VIP”).
Si percepisce subito.
Al primo sguardo.
Essere patetici non è mai elegante.

KyleMoriwaki – Postcards 

 

Da evitare anche quella data in omaggio nelle camere degli hotel,
o peggio ancora quelle promozionali dello stesso. 
Chi è tirchio con i soldi, ricordate, lo è anche con i sentimenti. 

google images

 

Per la frase, nessun consiglio.
Spremete le meningi e stupite il destinatario
(ma non il postino o il portinaio scrivendo frasi allusive o sconce).

google images
Cosa ne pensate?

Secondo Tragico Fantozzi, 1976

 

30 comments

  1. Sono completamente d'accordo con te ed applico questo pensiero a molte delle azioni "rituali" che molti hanno oramai demandato alla rete, ai vari cinguettii, messaggini e faccialibro, più semplicemente ad altri. Così mi capita di scrivere cartoline quando vado in vacanza e, appassionato di fotografia e grafica, di dedicare del tempo alla loro scelta ed all'abbinamento più

  2. Le cartoline dimenticate in mezzo ai libri sono una bellissima e nostalgica sorpresa. Credo che non passeranno mai di moda. Certo adesso se ne spediscono molto meno ma non scompariranno mai del tutto.
    Buona giornata:)

  3. che meraviglia le cartoline…Ai "miei tempi" capivi quanto eri popolare in base al numero di cartoline che ricevevi…e che emozione ogni volta aprire la cassettta della posta e trovarne una!!
    Quelle piu' speciali,ricevute da chi era importante in quel momento davvero sono state i miei segnalibri..sono anni che non ne ricevo piu'!!

  4. Scrivere le cartoline quando sono in vacanza è un vero e proprio rito dal gusto retrò. Non rinuncio. E quando mi capita di riceverne sono felicissima, come se fosse accaduto qualcosa di incredibile. mi emozionano.
    esagero? nooo.

  5. Le cartoline purtroppo fanno ormai quasi parte della storia.. però sono tutt'oggi un piccolo gesto di attenzione e amicizia per chi ancora ama scriverle! E' bello scegliere per ogni destinatario una cartolina diversa e prestare tanta cura sia nella frase da scrivere che nella grafia!

  6. Mamma mia, saranno secoli che non ricevo una cartolina..e millenni che non ne invio una…Mi ricordo fino ai 13/14 anni, (20 anni fa quindi), mi mettvo al mare e dedicavo un intero pomeriggio solo allo scriverle tutte controllando e ricontrollando di non avere dimenticato nessuno…Che bei ricordi!!!

    Un bacio grande

    NEW POST

    http://www.angelswearheels.com

  7. Non sono mai andata matta per le cartoline perché ho sempre odiato il fatto che le mie parole, le frasi che scrivevo con tanta cura e tanto amore su quel cartoncino rettangolare passassero di mano in mano e soprattutto di occhi in occhi. Dalla città di partenza a quella di arrivo, almeno una decina di postini avranno letto tutte le mie sdolcinate e banali dichiarazioni d'affetto in cui mi

  8. Cara Ilaria, sono una delle poche, purtroppo, nella cerchia dei miei amici che manda le cartoline!!! Sono riuscita a contagiare anche i miei figli, però non ti dico la loro delusione quando alla fine ne ricevono ben poche…e allora facciamo così: le usiamo per arricchire i nostri diari di viaggi! Un bacione Cristina

  9. Ciao Ilaria!
    Quanto hai ragione! Da quando sono blogger però devo ammettere che ho un certo brivido quando ricevo inviti inaspettati, sono quelli che ti fanno sentire apprezzato per ciò che fai. Ma non ti nascondo che anche ricevere una cartolina è una sorpresa mooolto gradita… anzi forse mi piace di più scriverle ed inviarle! 😉
    Un bacione
    Alessandro – Rispondi

  10. Se fossi un po' più organizzata registrerei gli indirizzi per inviarne qualcuna… ma non sono proprio così precisa, soprattutto in vacanza.

    Bacio

  11. Ciao cara! adoro le cartoline, mi piace scegliere la più adatte e mandarle ai miei familiari ed amici stretti.
    Trovo anche io che sia bello riceverle. Tenere in mano un ricordo affettuoso.
    Non sono su Fb per scelta, anche se ormai sembri fuori dal mondo… Ho ricevuto per il mio compleanno quasi solo WhatsApp, alcuni solo con video di auguri cantati da emeriti sconosciuti, scaricati

  12. Adoro inviare e ricevere cartoline. Mi pentirò per tutta la vita di non averne inviata una anche a me stessa tutte le volte che le inviavo ad amici. L'ultima che ho inviato? Pochhi giorni fa, una di Amalfi ad amici americani e una sempre di Amalfi al Bam-Bar di Taormina dove accoglienti proprietari ci omaggiarono di una granita in assaggio. L'ultima ricevuta invece, è di mio figlio dalla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *