S-CORTESIE PER GLI OSPITI

“L’abito non fa il monaco” ma avere un aspetto gradevole e curato dentro le mura domestiche è un fatto di “amor proprio” e di “buon gusto” nei confronti delle persone nostre ospiti.

Il Marchese del Grillo (1981)

 

Apparentemente può sembrare una psicosi  da “Grande Fratello”, dove ci sembra sempre di essere “osservati”,  invece è una questione di eleganza.
 
Il buon senso ed il buon gusto suggerirebbero di non ricevere ospiti in:
 
- Infradito/ciabatte/piedi nudi,  ma con le scarpe. E’ un segno di rispetto nei loro confronti
 
- Pigiama: per quanto possiamo essere in confidenza con il nostro ospite, risulteremmo “sciatti” e fuori luogo.
 
- Tuta: lasciamola destinata ai nostri lavori di casa solitari o allo sport
 
- “Vestiti da “finire”, con buchi, rammendi vistosi e quant’altro
 
 
Ricordarsi poi sempre che la regola “d’oro” del padrone di casa è quella di mettere a proprio agio l’ospite. 








No quindi a:

 
- attività noiose che divertono solo noi: sfogliare l’album di foto della prozia, proiezione integrale del video del battesimo del nipote,  piuttosto che visione delle diapositive del viaggio di nozze
- attività capaci  di mettere in ridicolo (come, ad esempio, travestimenti, karoake, tombole)
google images
- combini a sorpresa, in cui il/la nostro/a amica “single” si ritroverà con una sola altra persona “spaiata” tra un mare di coppie
Il diario di Bridget Jones (1995)

 

- cene di natale con scambi doni “a sorpresa”: metteremo in imbarazzo chi non ha portato nulla
google images

- giochi in scatola lunghi e complessi (a meno che non si fosse d’accordo per una serata “ludica”)

Risiko!
- vestirsi in modo più elegante rispetto ai nostri ospiti: è sempre cosa carina nell’invito sia formale che non, indicare la tipologia di serata. D’altro canto chi è invitato può/deve chiedere come vestirsi: magari non direttamente, basta  chiedere se il padrone di casa indosserà  la cravatta o meno.. E tutto il resto verrà da sè.
Il vizietto (1978)

Ricordavi che anche gli Ospiti non sono esentati dalle buone maniere: nei prossimi giorni sarà il loro turno con un post a loro dedicato.

Dimenticato qualcosa?
Un ringraziamento speciale va alla mia amica F. grazie a cui e’ nata l’idea di questo post, ispirato a fatti realmente accaduti (!!)
Latest Comments
  1. Eva
  2. Anonymous
  3. Anonymous
  4. Anonymous
  5. Anonymous
  6. Anonymous

Post A Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *