NON SI DICE "W GLI SPOSI"

Cari lettori, mi preme una piccola premessa a questo post: come sempre il rispetto nei confronti del prossimo è a mio avviso, la vera essenza dell’eleganza e della buona educazione.
Per questo particolare post sono state date interpretazioni a sfondo polemico e proprio in principio di quanto scritto sopra ho deciso di ripubblicare con questa apposita premessa.
In questo post, come in tutti gli altri, sono rappresentate piccole cartoline e rivisitazioni personali del vecchio galateo.
Io per prima, non applico tutto alla lettera. Il buon senso e l’analisi del contesto in cui mi trovo hanno sempre la meglio; le regole del bon ton lasciano il posto alle emozioni e l’istinto da cui scaturiscono azioni e comportamenti. 
 
 
 
 
Il matrimonio non è solo una tappa importante di una storia d’amore, ma è anche un evento “sociale”, sia che questo sia organizzato  per  pochi intimi o in pompa magna.



 

google images
Qualsiasi sia il tono prescelto per la cerimonia, in qualità di Ospiti bisogna sempre avere contegno e rispettare questo magico momento.


Il Padrino, 1972
 
Non sono solo gli sposi a fare il matrimonio, ma anche gli invitati.
Rispettiamo ed esaudiamo i loro desideri. 
Il mio grosso, grasso, matrimonio greco, 2002
Ecco alcuni consigli per partecipare al giorno “più bello della vita” di amici, parenti e conoscenti:


– Ricordarsi sempre che non partecipiamo  ad una scampagnata: abiti e toni “country” lasciamoli alle domeniche “fuori porta”.
Se scappi, ti sposo, 1999
– Non siamo allo stadio: cori, incitamenti e sfottò sono fuori luogo. Sempre.


Viaggi di Nozze, 1995
– Se non ci viene naturale, è inutile provare ed iniziare a fare i simpatici proprio in questa occasione.


Clemente Russo e Moglie
– La giacca, anche se ci sono quaranta gradi all’ombra, i fanciulli la indosseranno per tutta la durata del ricevimento… Non temete: durante i balli potrete farne a meno, cosi da  non essere costretti ed impettiti


Breaking Down, 2011
– Signore e signorine, pur se non credenti, rispetteranno il luogo di culto, se la cerimonia si svolgerà  in chiesa: si a scialli, giacche e spolverini,  no a scollature e  spalle scoperte.
Friends
 – Il colore bandito sia per tutti (si, talvolta si sono visti uomini che volevano rubare la scena alla sposa) il bianco. Non si accettano né scuse,  né appelli al quinto emendamento.


Ridge e Brooke
 
– Nessuna manifestazione di egocentrismo acuto al matrimonio di altri. Prima o poi (si spera) arriverà il nostro turno.
Kate e Pippa Middleton


– Non è divertente né spiritoso mettere in imbarazzo gli sposi. A cosa servono, altrimenti, i vari addii al celibato e nubilato?
Barbie e Ken
 – Baciarsi deve essere un atto spontaneo. Accadrà anche senza il vostro “Bacio! Bacio!”. Non temete.



Sex and the City, 2008

 

 
– Il discorso è riservato ai testimoni e ai parenti più prossimi degli sposi. Non prendete iniziative, soprattutto se  improvvisate “a braccio” (è necessario ricordare  che non si prende la parola “suonando” una posata sul bicchiere?)
Quattro matrimoni e un funerale, 1994
 
– No a discorsi strappalacrime, ricchi di aneddoti e dettagli personali: non siamo a “C’è posta per te”.
google images
 
 
– Rispettiamo il tono e l’abito prescelto dagli sposi: tait, abiti lughi o corti, cappelli, abito blu e così via.. E’ il loro giorno, decidono loro.


The accidental husband, 2008
Dimenticato qualcosa?
bridalmusings.com

57 comments

  1. Ahahahah troppi commenti hanno fatto impallare il blog ;)))

    Cmq, nonostante sia il secondo commento, più che leggo la lista e più sono convinto che il matrimonio pomposo sia una festa per i familiari, ma che in realtà le persone con cui vuoi condividerlo sono solo gli amici che ti scegli nella vita di tutti i giorni!
    Alessandro – Rispondi

  2. Divertente!
    La classe non è acqua come dice un vecchio detto.
    Il rispetto e l'educazione sono alla base di tutto.
    Poi, come dici giustamente tu, c'è il buon senso.
    Il tuo blog è proprio carino, tornerò a trovarti!

    Buona serata

    Mariella

  3. Spiegato l'arcano, visualizzavo il post in Google reader ma non più cliccandoci sopra.

    Ad ogni modo concordo su ogni punto. NOn potrei aggiungere altro. Ah si, forse il nero anche quello per me è vietato. Per una volta il little black dress meglio ternerlo nell'armadio.

  4. bellissimo questo post, lo ho letto con piacere. Cmq io non ci penso proprio al matrimonio oggi.. mamammia!!!!

    Ti seguo sempre molto volentieri, spero che anche tu lo farai con me su bloglovin o facebook!
    Valentina

  5. …importante evitare di partecipare a matrimoni di persone di cui non frega un accidente solo per curiosare o perché non si ha nient' altro da fare….è una cerimonia in cui si condivide un momento molto speciale nella vita di due persone ed é bello viverlo come tale …
    Ciao e grazie per il commento!!

  6. Bel post, brava. Ho ritrovato tutte le situazioni vissute in anni di partecipazioni a cerimonie piu' o meno "eleganti". Concordo su tutto, soprattutto nell'accettare e condividere festa e gioia alla maniera e gusto degli sposi.
    Una fan di mezza età

  7. imbarazzante che non ci sia gente che sappia commentare con diplomazia. perchè non fai un post dedicato? il galateo del commento al post!

    sul matrimonio non ho molte regole, il mio se mai ci sarà sarà soggetto a un severo regolamento (sarò la prima sposa con buttafuori per gli ospiti vestiti male), ma purtroppo vedo che la gente tende a farlo diventare uno show da real time o una

  8. quando ho letto che avevi cancellato il commento ho pensato .. oh mamma ne ho commentati tanti oggi, non ricordo .. panico totale .. poi apro la pagina e mi è tornato subito in mente senza neanche rileggerlo!!! la citazione non siamo a c'è posta per te mi ha fatto sorridere per tutta la mattina!!! sei un genio con i consigli nei post! continua cosi .. baci cara

  9. Mi sa che mi sono persa qualcosa… Vabbé poco male, l'importante é che dia riuscita a leggere questo post che mi ha fatto scompisciare dalle risate… Grandeee!

  10. Leggere i tuoi post è come mangiare cioccolatini: una parola tira l'altra e ogni parola fluisce e sembra che non basti, ne vorrei subito un'altra. Ecco che poi arrivo alla fine e mi sento insoddisfatta come se fissassi la scatola vuota, "Ma come, già finito?"
    Sei grande!

    E scrivilo un libro, dai!! ♥
    (grazie per il commento nel blog, sei adorabile!)

  11. Bellissimo post, utile e divertente…
    Io aggiungerei una postilla sul fotografo (ufficiale o meno) che si arrampica dietro l'Altalre per fare le foto…non agli sposi, ma ai testimoni!

    Brava, continua così!❤

  12. Veramnete un bel post! Trovo sempre molto divertenti gli abbinamenti fotografici 🙂
    Comunque, come hanno detto anche alcuni qui nei commenti, il "buon senso" è davvero la parola d'ordine!

  13. Veramente si è cancellato il mio commento? provvedo subito a riscriverlo.
    Sono completamente d'accordo con quanto suggerisci, ma ai matrimoni ci sarà sempre l'invitato che grida "W gli sposi" o "bacio, bacio" e non è bello in quell'occasione commettere un omicidio … basta fulminarlo con un'occhiataccia: lo farà una volta sola e non lo ripeterà per tutta

  14. Non mi piace andare ai matrimoni e/o alle cerimonie in genere, proprio per i motivi, TUTTI, che hai elencato: te li subisci in tutto od in parte. Evito dunque, ma se proprio devo, porto pazienza ed accetto i desideri e gusti degli sposi.
    Giovanna

  15. Ho apprezzato molto la premessa!! 🙂 seguendo l'istinto e mettendoci nei panni degli altri non è poi così complicato seguire le regole delle buone maniere! 🙂 Hai dato consigli sacrosanti, come sempre dal tronde! Ma ci sarebbe da scriverne un libro su questo argomento! Ti consiglio, se non l'hai già visto, Enrico Brignano che parla del matrimonio.. da sbellicarsi!! ahahahaahahaha

  16. Visto che si è cancellato il mio fondamentale contributo alla civilizzazione del mondo occidentale (certo, come no), torno a dire: e per l'amor di dio (letteralmente!) non si applaude in chiesa… e per farselo dire da una mezza miscredente come me…! 🙂

  17. "Nessuna manifestazione di egocentrismo acuto al matrimonio di altri. Prima o poi (si spera) arriverà il nostro turno" + foto di Kate e Pippa: GENIALE, COME SEMPRE!

    Ps: non ho so cosa sia successo, ma ti consiglio di non lasciarti condizionare da qualunque tipo di pensiero che non sia costruttivo. Vai avanti per la tua strada con la creatività e l'ironia che ti

  18. Arrivo adesso e capisco di essermi persa qualcosa….. Poco male, a me i tuoi post piacciono sempre molto! Pero' perdonatemi, ho smesso di mettermi le calze ai matrimoni. Lo so che andrebbero messe…..ma io le ODIO, non le metto mai e dopo quattro matrimoni in cui ero l'UNICA ad indossarle visto che erano tutte candidamente in sandali ho alzato bandiera bianca. Pero' metto scarpe

  19. Eccomi qua a riscrivere quello che è andato perso… dicevo, sempre che la memoria non tradisca che mai vestirsi di nero, ok, ma anche il rosso è vietato… ok le calze anche se in agosto… vabbè.
    E poi le scarpe! Sempre chiuse, le dita dei piedi in vista non sono certo eleganti.
    Un bacin!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *