NATALE CON I TUOI

I parenti, non sono come gli amici, non si scelgono, ci vengono assegnati fin da principio “d’ufficio”. I giorni natalizi, sono caratterizzati dai nostri affetti, ma anche da personaggi che talvolta possono risultare, a nostro gusto, discutibili.

 

E’ Natale, siamo tutto più buoni, quindi armiamoci di un grande sorriso ed entusiasmo. Le tradizioni non vanno fuori moda ed è decisamente di buon gusto rispettarle e, perché no, amarle.
google images

 

Per sopravvivere alle festività, meglio non dimenticare di:
– Ricordarsi le intolleranze (sgradevole richiederle tutti gli anni, annotiamole!) dei parenti, prima di preparare il menù
google images
– Informarsi sempre con i genitori dei bimbi, se credono in Babbo Natale o in Gesù Bambino ma, soprattutto, evitiamo domande “marzulliane” sulla loro esistenza (se non ci credete, oltretutto, non troverete mai sotto l’albero, l’ I PAD che desiderate)
Miracolo nella 34esima strada, 1994
– Non inventarsi scuse senza fondamento per evitare che la prozia porti il suo “tradizionale” polpettone natalizio che non piace a nessuno, nemmeno al gatto.

La famiglia di Calimero
– Rendersi sempre disponibile a portare qualcosa preparato da noi (che non esclude il regalo, almeno per la padrona di casa) è un giorno di festa per tutti. Non è solo un gesto educato, ma coglie in pieno lo spirito del Natale.
google images
– “Fai come fossi a casa tua” è da interpretare né come una frase di circostanza ma nemmeno in senso lato: le nostre abitudini bizzarre è sempre meglio che non fuoriescano dalle NOSTRE mura domestiche
Il diario di Bridget Jones 2001
– Scrivere un biglietto natalizio ad amici anglosassoni, che come tradizione vuole, amano esibire in casa i cartoncini arrivati
google images

 

– Non dimenticare mai il vero spirito natalizio, che non è dato tanto dai regalo, dagli addobbi o dal profumo di cannella, ma da una festa importante religiosa, che mira alla pace e alla felicità di tutti
A Christmas Carol, 2010
– Anche se siamo a casa, servirsi sempre con moderazione.
Madagascar, 2005
– Telefonare (i sms standard non valgono) a parenti lontani, che magari aspettano la telefonata e ne gioiscano (l’altruismo è fondamentale sempre, a Natale più che mai)
Vacanze di Natale a Cortina, 2011
– Evitare rumori molesti (anche se sono in grado di creare disibilio e aumentare la nostra popolarità con i più piccoli)
The Simpson

 

Vi viene in mente qualche aneddoto natalizio?

27 comments

  1. E' vero! Amo i biglietti di Natale e li metto fuori tutti perché sono abbracci da lontano e mi ricordano amorevolmente degli amici e dei parenti lontani in un momento quando li vorrei…vicini vicini!

  2. Posso aggiungere un "don't"?!
    Non costringere parentado e invitati a partecipare alla processione tra le mura domestiche, con tanto di candela, Adeste Fideles, ecc ecc..Chi vuole intendere…
    Molto carino questo post e, se ti va, da me c'è un piccolo doppio giveaway!
    Laura@RicevereconStile

  3. Ciao,

    mi piace molto leggere che ancora qualcuno si e ci ricorda che il Natale è una festa religiosa , purtroppo troppo spesso penso che sia diventata un'occasione mondana, o un pretesto per assurde "wish list".
    Insopportabili, inaccettabili gli auguri Sms ….e che cavolo! siamo tutti a sbandierare telefonini spaziali, con convenzioni stellari , che ci permettono

  4. A proposito di anglosassoni e biglietti di auguri mi hai fatto venire in mente una rimbambita che sul treno diceva che conviene andare a Londra prima di Natale perché volendo si trova il volo economico e lì i biglietti di Natale sono più belli e costano meno!!!
    Ciao bella, vado a prendere una baguette a Parigi che è più conveniente!

    GLORIA
    Rispondi

  5. ottimi consigli, molto utili..e stupenda l'immagine dell'etichetta con le istruzioni per il corretto trattamento del natale^^

    p.s. bravissima, inglesi e americani adorano i biglietti d'auguri!!^^dovremmo usarli di piu' anche noi, a volte valgono molto più di un regalo dell'ultimo secondo( vedi i babbi natale di ceramica con candela=inutilità allo stato puro) o

  6. …… ora bisogna smontare tutti gli addobbi, l'albero, il presepe…e che fatica!
    Tutti a dieta, arriva il carnevale!
    Giulia

  7. evviva i rumori molesti!: )stavolta hai superato te stessa: mi hai fatto ammazzare dal ridere!
    Arrivederci Natale & Co…da domani: dieta violenta!!!

    Marianna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *