MAMME DA SPIAGGIA

Nella categoria “tipi da spiaggia” (clicca qui per leggere il relativo post) un capitolo a parte va dedicato alle mamme.
google images
Impossibile non riconoscerle, grazie a alle loro caratteristiche ben definite: 

MAMMA – MAMMESCA
La sua vera natura sarebbe, in realtà, un giusto mix tra crocerossina e badante.
Sempre pronta ad accudire, anche se non necessario. 

 
Marge e Lisa Simpson
 
Tratta figli dai 2 ai 14 (30?) anni sempre stesso modo. 

Come la riconosci:
Porta sempre in spiaggia mostruose ed enormi merende portate da casa: frittate, cotolette e il tradizionale pane e nutella delle cinque. 

 
Sapore di Mare, 1983
 
Dove la puoi trovare: 

La sua posizione è quella della bagnina mancata: sul bagnasciuga a scrutare il mare (figli).
Ha sempre con sè il telo (le più evolute hanno anche l’accappatoio) per non “far prendere freddo” alle creature, anche a ferragosto. 

 
 
MAMMA – SORELLA
Scambiarla lei e sua figlia per sorelle o, meglio ancora, per amiche, è il complimento migliore che potreste riservarle. 

Brooke, Bridget e Nonna
Beautiful
 
E’ affetta dalla classica sindrome di “Peter Pan” e ciò rischia di farla cadere spesso e volentieri nel ridicolo. 

Come la riconosci:
Fisico tonico, bikini con paillettes e/o vestiti identici alla figlia.
Poco importa che lei abbia le rughe: altrimenti perché avrebbero inventato la chirurgia plastica? 

 
La morte ti fa bella, 1992
 
Dove la trovi:
Al bar dello stabilimento a fare la “splendida” con gli amici dei figli adolescenti ma anche sotto l’ombrellone ad organizzare una pizzata per la figlia a casa così da avere una compagnia giovane… Non si sa mai che grazie al principio di osmosi qualcosa migliori.. 

 
LA PROTAGONISTA
Basta un giorno, dal suo arrivo al mare, per informare tutta la spiaggia (e anche gli stabilimenti adiacenti) delle pagelle dei suoi figli, dei loro successi sportivi, delle sue battaglie con le maestre poco preparate e dei consigli imparti a quelle più brave. 

 
Little Miss Sunshine, 2006
 
Come la riconosci:
Affinando (senza troppo impegno), l’udito: il suo tono di voce è qualche decibel più alto rispetto alle altre persone. 

 
La donna perfetta, 2004
 
Dove la trovi:
Mai sotto al suo ombrellone ma “ospite” da altri, dove attacca ai malcapitati un bottone di una pesantezza apocalittica. 

 
LA “SVIZZERA – TEDESCA”
Probabilmente letale per lei fu “Heidi” e il personaggio della signorina Rottermeir. 

 
La signorina Rottermeir
 
 
Le regole non si discutono, si osservano:
NO bagno dopo pranzo
NO giochi chiassiosi e pericolosi
NO esposizione solare dopo le 10 del mattino e prima delle 17 del pomeriggio 

SI pisolini programmati
SI punizioni per lo scarso rendimento scolastico
SI a ripetizioni per colmare le lacune 

Come la riconosci:
Gira solitamente con una tabella cartacea con tutte le attività dei figli pianificate al secondo: lezioni di tennis, ripetizioni, compiti, racchettoni, lezioni di nuoto, merenda, seconda spalmata di crema protezione 50. 

 
Sex and The City
 
 
 
 
Dove la trovi:
In piedi, ben eretta con la schiena sotto l’ombrellone: solo questa posizione le può permettere di non perdere di vista nulla e di avere tutto sotto controllo. 

 
 
 
 
LA MAMMA COMPETITIVA
Non le interessa “partecipare” ma “vincere”.
Lei deve, a fine estate, essere riconosciuta da tutti come la mamma “modello” da imitare. 

 
I Soliti Idioti, 2012
La competizione esiste nei confronti delle altre mamme e nel confronto fra i suoi figli e gli altri  bambini. 

Come la riconosci:
Parla sempre dei successi suoi e di quelli dei suoi figli (facendoli propri), ritraendo la sua famiglia come la “famiglia del Mulino Bianco” in carne ed ossa. 

 
 
I Griffin
 
 
Dove la incontri:
Alle gare sportive per spronare i figli, alle feste dove “ognuno porta qualcosa” (e la sua torta sarà sempre e comunque la più bella e buona) e ovunque due mamme stanno parlando lei arriverà per mettersi in mostra. 

Chi non ne ha mai incontrata una, scagli la prima pietra! 

 
Ho dimenticato qualche categoria?

Latest Comments
  1. Eva
  2. emy
  3. Anonymous
  4. emy
  5. Anonymous
  6. Anonymous

Post A Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *