LETTORI, BLOGGER E BUONE MANIERE

C’è chi ama i quaderni, chi i diari con i lucchetti, chi i taccuini, chi la Smemoranda in pieno stile anni ‘90, chi i forum d’opinione online o i social network. Chi invece, come me, ha deciso di esprimere le proprie idee ed esperienze attraverso un Blog.

google images
A prescindere dai contenuti più o meno originali del proprio blog si sta sempre più consolidando una sorta  di “galateo non scritto che, se anche non ha uno spazio negli scritti di Monsignor Della Casa, ha una validità comunque assoluta.
Ecco, quindi, alcuni suggerimenti per gli appassionati di questi diari “online”:

 

LETTORI

 
Molti lettori sono blogger (ma per fortuna non tutti); anche in questo caso, il rispetto per le altre persone, con toni educati anche se fermi, possono fare la differenza.
Ecco alcuni suggerimenti:
- Gli altri blogger non sono degli sprovveduti: sarà subito evidente ai loro occhi il fatto che non avete minimamente letto ciò che hanno scritto, ma che lascerete un segno del vostro passaggio solo per via di commenti “clonati” per promuovere il vostro blog;
Gli Incredibili, 2004
- Lasciare un commento da “Anonimo”senza firmarsi è un po’ come “lanciare il sasso e nascondere la mano”( almeno uno pseudonimo! Difficilmente una blogger assolderà la CIA per capire chi è stato a commentare);
google images
- Se lasciate il vostro link alla fine di un vostro commento, è già una “pubblicità” fatta e finita. Inviti, ricatti “seguimi e ti seguirò” sono superflui;
Se scappi ti sposo, 1999
- Prestate sempre estrema attenzione al “copia incolla”. Il vostro commento potrebbe non centrare nulla con il post… situazione da “brividi”;
Fantozzi, 1975
- Le “sviolinate” (per non dire qualcos’altro… questo è pur sempre un blog di “buone maniere”) non servono molto. Meglio la sincerità e complimenti costruttivi;
Alberto Gilardino
- Praticare come sport quello di insultare, denigrare e umiliare blogger con il fine di far chiudere il blog è davvero un atto meschino. Si possono esprimere le proprie opinioni senza offendere nessuno.
Peyo

BLOGGER

- Meglio incominciare  l’avventura di un blog unicamente nella propria lingua madre ed evitare figuracce per via della poca padronanza della seconda lingua. Meglio, infatti, attendere il momento in cui potremo appoggiarci ad un professionista e non al traduttore di “google”;
google images
- E’ forse poco elegante aprire un blog solo per colpire ex fidanzati, ex amiche e/o fanciulle che hanno preso attualmente “il nostro posto”. Talvolta ignorare risulta più tagliente di qualsiasi parola;
google images
- Da tener sempre e comunque presente la classica regola dei film “ogni riferimento a cose fatti e persone è puramente casuale”: meglio optare sempre per pseudonimi e luoghi inventati, anche se l’ispirazione per il post è reale;
La Storia Infinita, 1984
- L’uso di parole di cui non si conosce il significato, soprattutto in un contesto improprio, denota sempre poca “sostanza” (esistono pur sempre i vocabolari);
a cura di Marcello D’Orta, 1990
- La lingua italiana è una giungla morfosintattica insidiosa e ricca di regole. Non temete: se armati di un vocabolario e di una grammatica italiana sarete pronti ad affrontare, qualsiasi difficoltà;
misscicisays.blogspot.com
- Chi non ha mai usato parole inglesi in una frase, scagli la prima pietra! 
Ripromettiamoci di segnalarle sempre fra le virgolette od in corsivo e di fare almeno un tentativo di traduzione prima di optare per inglesismi inutili (non risulteremo certamente meno giovanili/simpatici/moderni ,ma solo un po’ più padroni della lingua);
Peanuts, 1971
- Risulta sgradevole vedersi cancellare i propri commenti solo perché non sono in linea con il punto di vista del Blogger. La libertà di opinione dovrebbe essere un diritto di tutti (fatta esclusione per persone maleducate, solite ad utilizzare un linguaggio scurrile ed offensivo);
anvari.org
- Le fonti vanno sempre citate (sia di contenuti che di immagini), sia per riconoscenza dei suggerimenti ricevuti, che per professionalità nei confronti di terzi.
thesartorialist.com
Cosa ne pensate?
P.S. Sono certa di essermi dimenticata qualcosa, mi aiutereste a completare il post?
Follow Non si dice piacere - La moda passa, lo stile resta 

 

Latest Comments
  1. M.
  2. Anonymous
  3. Anonymous
  4. Anonymous
  5. Eva
  6. Anonymous
  7. Anonymous
  8. Anonymous
  9. Anonymous
  10. Anonymous
  11. Anonymous
  12. Anonymous
  13. Anonymous
  14. Anonymous
  15. Anonymous
  16. Anonymous

Rispondi a Solidea Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *