LE MANCE

Parlare di soldi non è mai elegante.

Zio Paperone
Esistono, tuttavia, temi che devono essere trattati per dare risposte precise e sicure a domande ostiche.
Come e quando bisogna dare la mancia?
La “mancia” andrebbe data ogni qualvolta ci sentiamo soddisfatti di un servizio ricevuto, ovvero a quelle persone che hanno l’ingrato compito di “aiutarci”. Evitiamo regali riciclati, auto convincendoci che l’autista ha proprio bisogno di quel dopobarba, piuttosto che quella borsa appariscente è il desiderio della fanciulla che ci aiuta in casa. Il denaro è, di gran lunga, sempre più apprezzato. 
I love shopping, 2009
Qualsiasi sia la forma prescelta, una cosa è certa: la “discrezione” è tutto.
Sono gesti da non ostentare e da non rendere “plateali”. Far vedere e notare a tutti che abbiamo lasciato una lauta mancia, non farà di noi un “signore”, ma un “cafone”.
Vacanze di Natale’83
Quindi “NO” a:
- Soldi dati direttamente in mano (magari con tanto di occhiolino strizzato);
 
- Chiedere resto della mancia;
 
 
The Christmas Carol, 2009
 
- Qualsiasi situazione o frase che possa mettere in imbarazzo e/o disagio il diretto interessato (“comprati un sciocchezza”, “porta fuori la ragazza” …. (!!!) );
 
- Sottolineare il proprio gesto, cercando ringraziamenti/inchini/atti di devozione da parte di chi la riceve. Lasciare la mancia dev’essere un gesto rapido e generoso;
 
Mr. Burns
 
- Svuotarsi le tasche dalle monetine, magari unicamente quelle di “rame”. La mancia è un segno della nostra soddisfazione per il servizio ricevuto: pochi “spicci” sarebbero segno di disprezzo. Talvolta si fa più bella figura a non lasciare nulla (…);
 
- Dare le vecchie 500 lire fingendo che siano due euro.
gear patrol, 2009
Al ristorante è  buona norma lasciare il 5 o 10% del conto, al cameriere (ricordatevi di portare sempre via lo scontrino!!). Mentre al portiere, al tassista, al parrucchiere per gli aiutanti, al personale dell’albergoo della casa in cui siamo ospiti per alcuni giorni dovete rimettervi al vostro “buon cuore/senso”.
vanityfair.it
Ovviamente, viaggiando, dobbiamo documentarci bene sugli usi e costumi del posto: luoghi come gli Stati Uniti d’America, esigono la mancia perché è parte integrante dello stipendio del cameriere. Mentre, in Giappone è considerato un insulto.
slate.com
Può succedere che la mancia negata sia al contrario un segno per sottolineare la trascuratezza e l’inadeguatezza del servizio ricevuto: scortesia del personale, lunghe attese, prenotazioni errate e così via, non devono passare inosservate. E’, infatti, sempre più elegante non lasciare la mancia che improvvisare una scena teatrale ad alto tasso di polemica.
smokestyle.org
Voi come vi relazionate con l’ostico tema della “mancia”?
Qualche aneddoto da raccontare?
 
 
Latest Comments
  1. Anonymous
  2. Anonymous
  3. Pami
  4. Anonymous
  5. Anonymous
  6. Anonymous

Rispondi a Tania Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *