LE GOMME DA MASTICARE

” #!!#@x!”

Queste è una delle tante imprecazioni (censurata), provocata da una gomma da masticare che si è appena appiccicata ad un nostro indumento. 

Come tutti i rifiuti, anche le “cicche”, nel momento in cui dobbiamo disfarcene, vanno gettate nel cestino. 
 
Claudia Gerini in Viaggi di Nozze, 1995
 
Il problema non è solo una questione di “buone maniere”, ma anche ambientale: il deterioramento provocato dalle gomme da masticare sull’asfalto e sugli arredi urbani, è sia un danno visivo che economico. 
In Spagna, ad esempio, il costo annuale per rimuovere tutti i “chewing gum” presenti a Barcellona è stato stimato intorno ai 130 mila dollari.
Per non parlare di quanto è successo a Singapore, dove la gomma da masticare è stata bandita perché ritenuta un mezzo che “rovina l’ambiente”: non si può, infatti, nè masticare, comprare e tanto meno, vendere.


Esiste, inoltre, una “etichetta di buone maniere” (non scritta ma di buon senso) da applicare ogni qualvolta si mastichi un chewing gum:
 

 
1) non si lanciano nel vuoto, per la gioia dei vestiti e delle scarpe del malcapitato che ci sta vicino

2) si masticano con la bocca chiusa
3) mai e poi mai si possono masticare ad un colloquio, in una riunione od in qualsiasi occasione in cui dobbiamo intrattenere una conversazione: i ruminanti sono animali da fattoria, non da “vita sociale”

 

 
I “TRUCCHI DELLA NONNA” per rimuovere le gomme da masticare dai tessuti
 
1) Mettere l’indumento o la scarpa sfortunata in una busta di plastica nel freezer per qualche ora. Nel momento in cui la “cicca” si sarà indurita, sarà facile da “grattar via”  
 
2) se i residui sono pochi si può utilizzare la benzina retificata, solvente (da maneggiare con cautela, senza inalarne i vapori) acquistabile in farmacia.
Latest Comments
  1. Anonymous
  2. Anonymous
  3. Anonymous
  4. Anonymous

Post A Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *