IN SPIAGGIA – come vestirsi

Per applicare pedissequamente le “regole” su come comportarsi in spiaggia, dobbiamo assolutamente avere decenza e “buon gusto” anche nell’abbigliamento, se pur ridotto.

Il segreto per non sbagliare è ricordarsi sempre che il decoro va rispettato prima di tutto.
Ecco alcuni piccoli accorgimenti/suggerimenti:
- Se non abbiamo il fisico di David Gandy (il nuovo testimonial di Dolce & Gabbana) è meglio optare per il boxer da spiaggia e non prendere MAI in considerazione lo “slip / boxer aderente”

David Gandy per Dolce & Gabbana – 2011




- Se abbiamo superato una certa età e il nostro fisico non è più tonico e snello, meglio optare il costume intero

Esher Williams

 

- Il nudismo e le sue forme più moderate (come perizomi, topless) vanno praticati nelle apposite spiagge: di certo non in quelle gremite di bambini.



 

- Il trucco è di difficile gestione in spiaggia (tra sudori, creme e bagni) e fuori luogo



Peter Griffin

 

- La spiaggia non è il red carpet: il tacco 12 sulla sabbia non è indicato




- L’unico gioiello ammesso in spiaggia sono gli occhiali da sole

Mago Otelma



- I costumi da bagno con fantasie sobrie e monocolore, sono sempre da preferire a quelle sgargianti, perchè più eleganti. Se proprio non si resiste al fascino di possedere un costume diverso rispetto ai “classici” possiamo abbinare, nel caso dei bikini, un pezzo tinta unita con uno fantasia.

Tezenis
Costume californiano – no name




Infine ricordatevi sempre, per non bloccare la digestione delle altre persone, di indossare sempre quando si mangia una maglietta/copricostume/pareo .


Spero di non aver dimenticato nulla: vi viene in mente altro?
 
Latest Comments
  1. Anonymous
  2. Anonymous
  3. Anonymous
  4. Anonymous
  5. Anonymous
  6. Anonymous
  7. Anonymous
  8. Anonymous
  9. Anonymous
  10. Anonymous

Post A Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *