IL BON TON DELLO SKILIFT (e sulle piste da sci)

Le tanto attese Olimpiadi di Sochi
non potevano che non richiamare alla mente
quanto sia fondamentale mettere “i puntini sulle i”
in fatto di “educazione”sulle piste da sci.
 
Che pasticcio, Bridget Jones!, 2004
Pur essendo la montagna un momento legato alle vacanze,
alla settimana bianca all’imminente carnevale,
non sempre ciò influisce sul grado di isterismo  presente nelle persone
purtroppo non lasciato in città.


Vogue,1995

 

Ma per goderci “la neve” al meglio, come sempre il galateo e il buon senso ci possono essere d’aiuto (e fare quindi la differenza per le nostre sciate).
Ecco alcuni punti da non dimenticare:
- non spingere
(non serve a nulla per potersi accaparrare  per primi un posto per risalire);
- rispettiamo le code  
(le altre persone se ne accorgono. non sono stupidi come noi che ci reputiamo “furbi”);

- non posizioniamoci sugli sci o sulla tavola del prossimo
(di spazio ce n’è tanto, non abbiamo attenuanti);
- non occupiamo una cabinovia o seggiovia, con prepotenza, solo per noi
(se sono state progettate per ospitare più persone ci sarà un motivo);

- rispettiamo il più lento del gruppo
(non stiamo concorrendo alle Olimpiadi. Non si vince nulla se si arriva primo);
- evitiamo di fare i (finti) “fenomeni”
(tanto a nessuno interessa un nuovo idolo: Alberto Tomba è ancora nel cuore di tutti);

pintarest.com

 

- non “tagliamo la strada”
(tanto tutti sanno che siamo bravissimi lo stesso);
- evitiamo i fuoripista se non nelle aree autorizzate e controllate
(la sfiga ci vede benissimo. Legge di Murphy docet);


pintarest.com

 

- rispettiamo altri tipi di “curve”
(sia che siamo sciatori o  snowboarder);
- scegliere con intelligenza e criticità la pista “giusta”
(non sopravvalutiamoci mai).


elviolin.com

 

Inutile, o forse no, sottolineare che sono sempre valide le regole basilari del vivere insieme.


pinterest.com

 

Rispettare il prossimo, 
la segnaletica e i divieti, 
risalire ai bordi senza occupare con prepotenza il centro della pista, soccorrere chi ne ha bisogno, 
donare un sorriso e un “buon giorno” e/o un “buona sera” 
devono essere cose naturali.

pinterest.com



Ho dimenticato qualcosa?





 

Latest Comments
  1. Maurizia

Post A Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *