I PACCHETTI DI NATALE

Ogni occasione è buona per fare un regalo ed il Natale rappresenta l’occasione migliore per “sdebitarsi” con chi è stato particolarmente carino con noi e, soprattutto, “rendere felici” le persone che amiamo esaudendo i loro desideri.
google images
Il regalo dovrebbe essere un piacere per entrambi: per chi lo fa e per chi lo riceve.
Lilly e il Vagabondo, 1955
Da ricordare sempre che il regalo parla un po’ di noi , ma soprattutto del destinatario.
google images
Il dono assume la stessa valenza di un biglietto da visita, quindi la realizzazione della confezione diviene un nodo comunicativo fondamentale.
E’ vero che “conta il pensiero” ma anche l’occhio vuole la sua parte. E proprio perché è importante il gesto, è fondamentale che il pacchetto, magari confezionato proprio da noi, sia “perfetto”.
google images
Un bel pacchetto ricercato, testimonia, infatti, un legame con il regalo: fornisce la percezione simbolica di aver realizzato il dono con le nostre stesse mani. E’, in fondo,  tempo ulteriore dedicato al destinatario dei nostri pensieri.
La cura nella scelta della carta, dell’aggiunta del bigliettino con due parole di augurio, sono fattori importanti, dettagli da non trascurare. E’ come fare una torta buonissima e presentarla male, come se fosse un “polpettone”.
google imags
Per i miei regali, ho puntato sulla semplicità e su materiali non troppo vistosi, investendo sui nastri piuttosto che su carte troppo elaborate
– carta da pacco grezza o colorata di verde
– nastri in tessuto (li trovo più raffinati ed eleganti)
Il tocco natalizio è stato dato da dei bigliettini profumati al gusto di biscotto (che Natale sarebbe senza cannella e dolciumi?)
Christmas Cookies
acquistati da Dada Meeting Point
Voi  come confezionerete i vostri regali? Suggerimenti?

16 comments

  1. ADORO la carta da pacco. la uso da pochi anni ma la trovo a suo modo raffinata. per quanto riguarda i nastri ottima idea per quelli in stoffa, io per rendere il pacchetto più carino avevo puntato sui nastri sempre in plastica ma col colore opaco e non brillante, magari quelli più larghi, non quelli fini. davvero mitica l'idea del bigliettino profumato al biscotto! ma io personalizzo anche

  2. devo ammettere che è stato proprio vbello leggere questo post 🙂 mi ha fatto entrare ancora di più nello spirito natalizio (ps:come sempre è arrivato ad inizio novembre, come dare torto a chi dice che sono strana :D).Sai io per i miei pacchettini ne incarto metà a mano e metà li faccio incartatre stesso nel negozio , e quest'ultima metà sono principarmente regali presi in profumeria perchè

  3. Post perfetto. Io adoro fare regali e pacchetti, ci dedico tutta una serata a incartare gli oggetti da regalare con carta tutta in tinta unita, nastro largo, bacche finali per chiudere i fiocchi e cartoncino con nominativo e auguri. Un anno ero stanca e usai tanti sacchetti "ANTER" tutti uguali con coccarda rossa come chiudi-pacco. Buoni regali a tutti. Teresa d.

  4. ciao,
    tanti anni fa ….7. 8 , 9 non ricordo in una cartoleria ho acquistato (fuori stagione) una confezione di splendidi sacchetti natalizi di varie misure ,con pupazzi di neve in cartone a rilievo ed altre belle decorazioni. Questi sono per i regali di famiglia …..li uso tutti gli anni, senza sciuparli …e poi me li restituiscono integri…..ma non è finita qui, qualsiasi regalo per

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *