E’ TARDI! E’ TARDI!

Non esistono scuse, nè attenuanti: il ritardo, nelle “buone maniere” o, più semplicemente, nelle relazioni con il prossimo, non è ammissibile.
Bianconiglio
Alice nel Paese delle meraviglie, 1951
 
 
E’ una forma evidente di mancanza di rispetto nei confronti di chi ci ha invitati o della persona che faremo attendere.
 
Claudio Bisio
 
 
Logicamente questo discorso non vale per episodi sporadici, dettati da REALI imprevisti e/o contrattempi.
Monopoli
photo by Natalia Puglia
 
 
Il problema è grave quando “l’essere in ritardo” diventa parte integrante della nostra indole e del nostro modo di essere. Di certo le nuove teconologie non aiutano: una volta, senza telefonini in grado di avvisare, si evitava di far aspettare, o perlomeno, ci si conteneva.
 
Il diavolo veste Prada, 2006
 
A meno che non siamo degli accademici, non è ammesso avvalerci dei canonici “15 minuti di ritardo” (diritto da esercitare esclusivamente nelle aule universitarie). 
 
O’ Professore, 2007
Sergio Castellito
 
 
Ecco alcuni alcuni suggerimenti su come gestire i ritardi:
 
– Chiamare sempre per avvisare e scusarsi del ritardo (eviterà fastidiosi imbarazzi al nostro arrivo);
 
Francesco Totti
 
 
– Non improvvisare una finta corsa nei pressi dell’appuntamento, per darci un tono “di fretta” (il fiatone e una fronte sudaticcia non ci farà sicuramente apparire meno in difetto);
 
 
comunicaLab.it
 
 
– Non inventare scuse assurde ma, soprattutto, scontate (il traffico, i semafori rossi, il raffreddore del cane, l’alieno che improvvisamente ci ha citofonato). La sincerità paga sempre;
 
Philippe Parreno, 2007
 
 
– Se siamo consapevoli che il nostro ritardo è “importante”, meglio dirlo subito così da permettere all’altro di organizzarsi per “ammazzare” il tempo di attesa (o trattenersi di più a casa o in ufficio);
 
Primo numero, 23 gennaio 1932
 
 
– Evitare sempre di centellinare il ritardo di 10 minuti in 10 minuti. Potremmo avere sulla coscienza amici zuppi di  pioggia, colleghi disidratati dal caldo, prozie imbalsamate dalla brina mattutina.
 
Fantozzi, 1975
 
 
– Se siamo in ritardo ad un matrimonio non si entra MAI insieme alla sposa (magari spalmandoci come “Spiderman” sulle pareti della navata della chiesa). Si aspetta l’entrata della sposa (se non volevamo perderla avremmo potuto uscire prima di casa) magari senza farsi vedere: esiste anche la possibilità che aumenti, vedendoci, la sua ansia;
 
 
 
Quattro matrimoni e un funerale, 1994
 
 
– Alla sposa sono concessi solo dieci minuti di ritardo, non di più (altrimenti si potrebbe cadere nella maleducazione);
 
google images
Se arriviamo tardi al cinema  evitiamo di incaponirci per sederci al posto che ci hanno assegnato: le persone puntuali non vanno fatte alzare o, peggio ancora, privarle della visione di qualche nessun fotogramma del film (introduzione della “Paramount Pictures”compresa).
 
 
 
 
Se ci troviamo, ahimè, nei panni di chi “subisce” il ritardo, ci rimane un’ unica possibilità: quella di telefonare per avvisare la persona che dobbiamo andare via (è l’unico modo per sensibilizzarla e non farla cadere nello stesso errore, in futuro).
mattiaslol.tumblr.com.
 
ECCEZIONE (che conferma la regola)
 
Agli eventi “sociali” come inaugurazioni, feste dopo le 22, cocktail party, inviti provenienti dal “mondo moda” o del Salone del Mobile meglio arrivare con qualche minuto di ritardo. 
 
 
La persistenza della memoria, 1934
Salvador Dalì
 
 
Molto spesso, i grandi eventi, sono caratterizzati da imprevisti dell’ultimo minuto, contrordini, tensioni: lasciare un attimo di respiro sarà apprezzato di più della puntualità svizzera. (ricordiamoci sempre che i grandi ritardi da dive incipriate, lasciano il tempo che trovano e danno nell’occhio, soprattutto in certi contesti, solo in modo negativo).
 
 
bentrovatoblog.com
 
 
Voi cosa ne pensate?
Suggerimenti?

37 comments

  1. dissento energicamente in quanto nato in ritardo! 5 minuti, non più di 10, però ci sono sempre xD e non accetto scuse da parte di chi subisce: la prossima volta pensaci e portati un libro nella borsa; chissà che non accresci pure la tua cultura xD

  2. Io sono in perenne ritardo.
    Quasi di quelli sfacciati – ma solo se so che posso farlo.
    lo ammetto: me ne approfitto.
    Eventi fashion? Arrivare tardi potrebbe renderti figo, si – ma attenzione, come dici tu, a non cadere nella maleducazioni. Il rischio dei ritardi, anche i più innocui e involontari, è proprio questo.

    F.

  3. Io non saprei in quale categoria mettermi, subisco spesso i ritardi di mio marito (ritardario cronico) e quando usciamo insieme divento ritardataria anche io , non perchè e spesso è pure colpa mia! Comunque in effetti è una cosa che mi infastisce molto quando la subisco e che mi imbarazza quando la provoco!

    http://stilettoglamour.blogspot.com

  4. Io detesto chi arriva in ritardo. Sempre. Sono sempre in anticipo di almeno 5 minuti perchè mi prende l'ansia del ritardo e non lo sopporto. e mio marito è sempre in ritardo, lui. E mica l'aspetto, io. Me ne vado, ecco qua.

  5. "La vita di un puntuale è un inferno di solitudini immeritate". Anche se non amo particolarmente Benni questa citazione descrive perfettamente una parte della mia vita spesa ad aspettare gli altri.
    E la sgradevole sensazione che mi venga rubato del tempo ad accompagnarmi ogni volta che devo attendere qualcuno.

  6. Condivido pienamente! Infatti entro in ansia da ritardo anche troppo presto. Il mio ragazzo invece è sempre con calma, senza fretta, e nonostante tutto maledettamente puntuale. Pronto in tre femtosecondi. Mi fa una rabbia!

  7. Mammamia…non ce la posso fare! Non sopporto i ritardatari, quelli cronici ancora peggio…è veramente una mancanza di rispetto…Io che (purtroppo) sono sempre puntuale o addirittura in anticipo, ho provato a rendere ai ritardatari pan per focaccia, ma non ci sono mai riuscita…non è così semplice!

  8. Io ho tutti i miei orologi con la lancetta avanti di tot minuti, non so esattamente quanto, perchè altrimenti la tecnica decadrebbe. In qs modo riesco a ridurre i miei ritardi agli appuntamenti 🙂

  9. Purtroppo io sono come il Bianconiglio…opsss lo so che è maleducato essere perennemente in ritardo, ma va detto che questo stimola molto la fantasia. Ci si deve sforzare ogni volta per inventare una scusa diversa…. :))
    Cmq mi sto sforzando di migliorare…..

  10. Non improvvisare una finta corsa nei pressi dell’appuntamento, per darci un tono “di fretta”

    Questa davvero non la sapevo…!!! :-O

    Per tutto il resto quoto, come sempre. 🙂

  11. Vivo con un ritardatario cronico e soffro per tutte le ragioni esistenti, al contrario io spacco il minuto quando così dev'essere e calcolo il tempo in modo perfetto.
    impazzisco.
    Una volta, anni fa, quando ancora i telefonini non esistevano (sono vecchia io :)), ho piantato un amico all'ennesimo ritardo…
    baci

  12. Ti posso garantire che è molto fastidioso anche chi ha l'abitudine di venire sistematicamente in anticipo mmmmm che nervi, non hai finito di vestirti o non hai finito di sistemare casa o la cena con amici non è ancora pronta ect ect.

    Baci Marcella

  13. A volte mi capita di essere in ritardo, ma cerco di evitare e avvertire per tempo, ho invece diversi amici per cui arrivare in ritardo è la regola…quindi ho adottato la tecnica di dire loro un orario diverso, ovviamente in anticipo rispetto all'appuntamento, non sempre ma a volte funziona XD
    ottimo post cara!!
    baci

  14. haha si in effetti ho fatto razzia lol!
    Btw, come non concordare anche questa volta col tuo post? haha
    Io odio i ritardatari ;\ mi snervano!
    Motivo per cui io sono sempre stra-puntuale lol 🙂
    bisous cara xxx

  15. io sono puntuale e anche tollerante, nel senso che tollero ritardi fino a 10-15 min. anche se preferirei essere avvertita. Ma la maleducazione è troppo radicata nella nostra società e la maggioranza delle persone sono in ritardo per cattiva abitudine.
    Teresa d.

  16. Quando facevo l'Erasmus a Bologna, ogni serata cominciava male: le mie amiche belghe considerano che il ritardo comincia all'ora dell'appuntamento (quindi chi arriva all'ora esatta è in ritardo), gli italiani arrivavano generalmente in ritardo (fra 5 minuti e diverse ore, a seconda delle persone), e i francesi in orario a 10 minuti di più o di meno. Alla fine nessuno era contento!

  17. Non riesco a trovare nulla da aggiungere, se non ribadire la cafonaggine dei ritardatari, soprattutto quelli che lo fanno d'abitudine. Anche volendo, proprio non ce la faccio, rispetto sempre gli appuntamenti.
    Una fan di mezza eta'

  18. Io sono un caso strano. Odio il ritardo degli altri ma soprattutto il mio. Sono sempre venti minuti in anticipo e mi ritrovo sempre ad aspettare. Non ce la faccio a ritardare e, se capita, chiamo, mando sms, piccioni… 🙂
    In questo senso sono ansiosa!

  19. Io credo di essere la persona più ritardataria del mondo..mi sveglio sempre all'ultimo minuto e un pò di ritardo non me lo leva mai nessuno! e non riesco neanche a migliorare cercando di mettermi nei panni di quei poveretti che mi aspettano..eppure aspettare è una delle cose che odio di più!
    Grazie per il commento, ti seguiamo!:) ti va di ricambiare?
    un bacio!

    NEW OUTFIT

  20. Io credo di essere la persona più ritardataria del mondo..mi sveglio sempre all'ultimo minuto e un pò di ritardo non me lo leva mai nessuno! e non riesco neanche a migliorare cercando di mettermi nei panni di quei poveretti che mi aspettano..eppure aspettare è una delle cose che odio di più!
    Grazie per il commento, ti seguiamo!:) ti va di ricambiare?
    un bacio!

    NEW OUTFIT

  21. Io sono ritardataria di natura, ma tento di correggermi: le mie amiche son quasi tutte puntalissime, mio marito e' un "anticipatario" cronico, anche il prete che ci ha sposato disse a chiare lettere che avrebbe iniziato la cerimonia anche senza di me…… E chiamo sempre per avvertire…….

  22. Sono sempre puntuale, esco in anticipo per evitare imprevisti a casa e fuori, porto pazienza se gli altri arrivano in ritardo. Ma se mi accorgo che e' un'abitudine..!!..??…xyzx…No comment….
    Giulia

  23. da sempre combatto contro i cronici ritardi di mia mamma e mia figlia .
    Quando asseriscono di essere pronte le dobbiamo aspettare per 30 minuti!
    Ho un ricordo recente di mia mamma che dovendoci incontrare a Trento, io partivo da Udine, per proseguire insieme per altra destinazione ( ero stata tassativa nel dire che non avrei tollerato ritardi) me la sono vista arrivare dopo 25 minuti..

  24. Io sto dall'altra parte della barricata: sono sempre in anticipo!
    Odio i ritardi e mi organizzo sempre per tempo per evitare i ritardi. L'unico ritardo l'ho avuto quando è nato mio figlio, che si è fatto aspettare ben 10 giorni oltre il termine …. ma non dipendeva (ancora) da me, ah ah ah

  25. Di indole ritardataria, da molto sto cercando di cambiare rotta!!
    Se ritardo ( alcune volte mi capita ancora) avverto sempre con preavviso!!!
    Però è una cosa che non mi piace e voglio assolutamente cambiare!!
    Alle feste o alle cene faccio sempre 5 minuti di ritardo ( mai di piu') proprio per lasciare il tempo a chi ha organizzato il tutto di riprender fiato e, molte volte, sono

  26. Le tipiche risposte che ricevo sono:

    1) Non sai cosa mi è successo! (Se il ritardatario arriva senza aver avvisato. Detto ciò, non spiega mai "cosa sia successo")

    2) Poi ti spiego… (Se il ritardatario telefona avvisando di un ritardo "importante". Ovviamente, anche in questo caso, niente viene spiegato.)

    Sì, essere in ritardo SEMPRE è segno

  27. non se ne parla,arrivassi anche a fine film chi si prende il mio posto al cinema non ha scampo!!! che poi dico io,un'intera sala libera se ci sono posti e numeri assegnati perchè ti siedi al mio posto?! non l'ho mai capito..

    mallory

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *