DONNE E STADIO

Molta gente allo stadio, si crede o una soubrette (visti i numerosi “tacco 12”) o dei mancati giocatori (viste le numerose tute della squadra del cuore)
 
Patty – Holly e Benji
 
Come sempre, buon senso e una minima analisi del contesto in cui siamo, possono aiutare.
 
Victoria Beckham
 
Lo stadio è una “location” sportiva, ma questo non giustifica la tenuta da ginnastica, meglio quindi optare per un casual pratico e caldo nei mesi invernali.
google images
No quindi a:
- Tacchi alti (è per la vostra incolumità: tra i gradini degli spalti, ingorghi di gente all’entrata e all’uscita, il “salto di gioia ” per il goal” la stabilità non è facile da tenere)
- Mini gonne (poco pratiche, fredde in inverno e anti igieniche d’estate.. Chissà chi si è seduto su quella poltroncina)
- Vogue sotto braccio (non ci dobbiamo sentire obbligate ad andare allo stadio, solo per fare le “vigilesse” del nostro fidanzato)
- Sfilate di moda in generale (abiti succinti, lustrini e paillettes e cosi via)
- Abiti belli “che ci stanno bene ” ma leggeri (solo i giocatori non hanno freddo e non rischiano di morire assiderati)
- Commenti su com’è vestita la signora due file avanti a noi (piuttosto azzardati, a meno che non siamo Franca Sozzani o Anna Wintour)
- Giudizi fuori luogo sul calcio o sullo sport cui stiamo assistendo (i colori della maglia sono quelli, anche se non vi piacciono o non donano con certi incarnati)
- commenti sul fisico aitante del calciatore(soprattutto in occasione di un rigore)
Generalmente, allo stadio, mi vesto così:
 
Trussardi 1911

Top Shop – jeans Moto
Fru.it per LuisaViaRoma
stola in cashmire
Evito di sottolineare, soprattutto per i fanciulli, che i moccoli, gli insulti, la ricerca forsennata di scontro è sempre una cosa non maleducata ma animalesca.
Avete altri suggerimenti? Dimenticato qualcosa?
Latest Comments
  1. Anonymous
  2. Anonymous
  3. V.
  4. Anonymous

Post A Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *