C’E’ CHI GIOCA A RUZZLE E CHI…#INSTAGRAM

Si sa che l’età  è solo un numero.
Che l’importante è essere “giovani” dentro da adulti, piuttosto che maturi “fuori” da adolescenti. 

 
Ciao Ciao con la manina a The Queen
#ComeMiDivertoQui
@Brian & Barry

 

Sindrome di Peter Pan e uso smisurato di botulino spesso hanno la meglio per respirare artificialmente il clima dei “giorni perduti”. 

Il primo compleanno di Elena

 

Poi esistono cose che ci fanno rimanere giovani, nonostante la nostra data di nascita e  non facendoci cadere nel ridicolo. 


altro che Ruzzle la vera droga è Styloola #loveit


I tram milanesi conoscono le buone maniere
#Non Ci Voglio Credere

 

Leggere, fare sport e stare al passo con la tecnologia (!!) sono modi saggi per non essere dei Matusalemme. 

Il Sabato mattina è su Gente. A pagina 76.
#sapevatelo

 

Nemmeno io ci credo.
Nemmeno vedendolo.
#Correre

 

e fu così che arrivò la felicità in ufficio alle 16:53 di un venerdì

 

Ma saper giocare, nonostante il fatto che gli anni passano, è di gran lunga il modo migliore per non invecchiare. 

Giocare con le parole 


C’è chi va a Colazione da Tiffany e chi a Pranzo da Schreiber



Con i vestiti

Chiamatemi pure “Flavia” ma non rinuncerò alle mie Babbucce
#Wannabe Flavia Briatore

 

Con il telefono

Come autobeccarsi a farsi foto nei posti più disparati

 

Con noi stessi 


Quando eravamo giovani vent’enni pasteggiavamo a chiacchiere e vino
#einvece

 

Con oggetti imprestati (proprio come quando li rubavamo dall’armadio della mamma)
Perchè a trent’anni si può giocare ancora con i gioielli e tirarsi su l’umore
#Schreiber

 

Ricordiamoci, infine,  che il gioco migliore è non prendersi mai sul serio.
Fa bene all’umore, al lunedì e all’umanità. 

Primo giorno di scuola o solamente un colletto importante?
#Ready to Go

 

Voi giocate ancora?

 
 

Latest Comments
  1. emy
  2. Bri

Post A Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *