IL BON TON DEL BRAND JAMMING ALL’ACCADEMIA DEL LUSSO

 

Prendi due specialisti del settore del Marketing,
Paolo Lucci e Stefano Sacchi.
Cresciuti a pane e strategie legate al Brand.
Aggiungici l’Accademia del Lusso di Milano con la sua alta formazione innovativa e creativa
ed un pubblico eterogeneo.

 

people-paolo-lucci-stefano-sacchi-brand-jamming-accademia-lusso-eventi-corso-marketing-marca-non-si-dice-piacere

google images

 

 

Amalgama il tutto fino ad ottenere una marmellata omogenea,
otterrai un seminario di Brand Jamming.

paolo-lucci-stefano-sacchi-brand-jamming-accademia-lusso-eventi-corso-marketing-marca-non-si-dice-piacere

 

Ecco alcune curiosità “bon ton” a proposito di “brand”:

 

# E’ sempre elegante dare una seconda chance: vale anche per una marca?

P: Non solo elegante: profittevole sempre e necessario a volte.
S: Assolutamente si. Ne sono la prova i rilanci di molto Brand della moda che erano quasi scomparsi negli anni ‘90 e che ora sono diventati assoluti protagonisti della scena mondiale (Lanvin, Givenchy, Balmain…). Dipende sempre dallo “stile”della strategia e dalla competenza/lungimiranza con cui essa viene sviluppata.

 

coca-cola-evolution-paolo-lucci-stefano-sacchi-brand-jamming-accademia-lusso-eventi-corso-marketing-marca-non-si-dice-piacere

google images

 

# Esistono scivoloni di stile comunicativo?

S: Certo. Il buon gusto non sempre è presente, ma spesso questa mancanza non è percepita, perché riflette la decadenza di stile tipica del periodo storico che stiamo vivendo. Alle nuove generazioni manca spesso la cultura del gusto più che il gusto stesso.
P: come in tutte le discipline, certo. Per semplificare, ogni volta che viene a mancare il pensiero prima dell’azione.

 

l soliti idioti prodotto-uffa-che-palle-paolo-lucci-stefano-sacchi-brand-jamming-accademia-lusso-eventi-corso-marketing-marca-non-si-dice-piacere

 

# Esiste un ambito “vintage” della marca o il vecchio è da superare?

S: Il libro parla proprio di come costruire il futuro di successo di un brand basandosi sull’heritage. Il vintage è storia da preservare e reinterpretare alla luce della contemporaneità.
P: il vecchio non è mai da superare, al massimo da ricontestualizzare. I nostri riferimenti suddividono il “vintage”, riproposto o tel quel dall’heritage o rielaborato.

 

 

15l carlsberg-paolo-lucci-stefano-sacchi-brand-jamming-accademia-lusso-eventi-corso-marketing-marca-non-si-dice-piacere

 

 

# Fare convivere due brand insieme attraverso un’azione di co-branding è un’azione di eleganza di equilibri?

S: Il co-branding si sviluppa secondo differenti modelli, trattati nel testo, che vanno dalla complementarietà all’assoluta, ma affascinante, estraneità.
P: l’eleganza di equilibri è sicuramente il modello più immediato, ma tra quelli che abbiamo identificato come modelli di riferimento c’è anche l’eleganza nell’integrazione tra diversi.

lanvin-paolo-lucci-stefano-sacchi-brand-jamming-accademia-lusso-eventi-corso-marketing-marca-non-si-dice-piacere

 

 

Ed ora le curiosità per “Non si dice piacere”.

 

# La tua icona di stile:

P: Bryan Ferry
S: Jeremy Irons

 

# La tua suoneria del cellulare

P: Trillo standard
S: Quella standard, per pigrizia anti tecnologica…

 

 

lagerfeld tokidoki-paolo-lucci-stefano-sacchi-brand-jamming-accademia-lusso-eventi-corso-marketing-marca-non-si-dice-piacere

 

# Un errore

P: Andare in giro per saldi.
S: Acquistare e non utilizzare subito.

 

# Il tuo sempre

P: Cercare di capire “cosa c’è dietro”.
S: Dubitare sempre di ciò che piace a tutti e diventa troppo popolare.

 

this-is-not-toy-moschino-paolo-lucci-stefano-sacchi-brand-jamming-accademia-lusso-eventi-corso-marketing-marca-non-si-dice-piacere

 

# Il tuo mai

P: Non cambiare idea.
S: Cercare di non avere rimorsi (ma alla peggio, solo rimpianti).

 

# Un gesto di bon ton purtroppo poco diffuso

P: Prendersi meno sul serio.
S: Dire semplicemente “grazie” senza aggiungere o giustificare.

 

# L’atto maleducato che più ti irrita

P: Il favore chiesto dopo tempo di silenzio, e nemmeno un “come stai”.
S: La prepotenza e la supponenza che inevitabilmente la accompagna.

 

tefal-agatha-ruiz-de-la-prada-paolo-lucci-stefano-sacchi-brand-jamming-accademia-lusso-eventi-corso-marketing-marca-non-si-dice-piacere

 

 

 

 

 

 

Le foto sono tratte dall’Album di Famiglia 2.0
di Paolo Lucci e Stefano Sacchi: Twitter

Latest Comments
  1. Nico

Post A Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *