BIGLIETTI DI RINGRAZIAMENTO PER I REGALI DI MATRIMONIO

Segnano la chiusura definitiva del matrimonio ed è il modo per ringraziare del dono ricevuto.
fpettinaroli.it

 

Meglio il classico (dove appaiono ufficialmente, per la prima volta,  insieme, i nomi degli sposi  con un unico cognome) soprattutto se personalizzato.
Inutile dire che:
– il tutto va scritto a mano: nessun prestampato
– il biglietto sarà firmato da entrambi gli sposi
– il nome stampato sul cartoncino deve essere barrato con un tratto di penna 
– vanno spediti al rientro dal viaggio di nozze
– è molto raffinato aggiungere al canonico ringraziamento un’esplicito riferimento al pensiero che è stato ricevuto
Per i “milanesi” i due indirizzi tradizionali sono (in base alla zona della città dove abitate):
– PETTINAROLI
piazza San Fedele, 2
– DITTA RAIMONDI DI PETTINAROLI
Corso Venezia, 6
Per le altre città, vi chiedo aiuto!
Sono curiosa di  conoscere le cartolerie storiche italiani più eleganti.

 

Riuscireste ad indicarmele?

p.s ovviamente il cartoncino sarà in formato cartolina postale e i nomi saranno così stampati: 
NOME SPOSO + NOME SPOSA + COGNOME

22 comments

  1. Ho fatto così, nè più nè meno ;-), ma per mio campanilismo (7 anni fa) inviti, partecipazioni e biglietti li ho fatti stampare a Palermo (mio marito, milanese, voleva Pettinaroli): I Papiri, via Gaetano Daita 43.

    Clarissa

  2. bellissimo post .

    Purtroppo poche persone ringraziano per i regali. ( se non un frettoloso : "non ti dovevi disturbare" quando lo ricevono)
    Personalmente trovo queste " dimenticanze " estremamente scortesi…..e liquidare il tutto con un sempre più frequente :"tanto non si usa più" è davvero l'autostrada per la maleducazione.

    buona

  3. @ the white cabbage
    lo so che sarebbe bellissimo poter sempre essere perfetti e rispettare le regole della buona educazione… ma trovo che debbano essere adattate al tempo in cui viviamo. sicuramente una mail può sostituire il bigliettino nei casi più comuni ( compleanno onomastico laurea) mantenendo la tradizioni per situazioni più formali.

  4. @ the white cabbage
    lo so che sarebbe bellissimo poter sempre essere perfetti e rispettare le regole della buona educazione… ma trovo che debbano essere adattate al tempo in cui viviamo. sicuramente una mail può sostituire il bigliettino nei casi più comuni ( compleanno onomastico laurea) mantenendo la tradizioni per situazioni più formali.

  5. Sostengo fermamente quanto affermato da "the white cabbage" e ribadisco: non e' questione di perfezione, cara Federica, ma di buona educazione di base. Anche se i tempi cambiano, se la fretta ci attanaglia, si deve trovare il tempo per ringraziare, altrimenti l'abbruttimento e la volgarita' avranno la meglio! (gia' siamo circondati….).
    Una fan di mezza eta'

  6. E' vero, abbiamo intorno di tutto e di piu'.Aiuto! Oltretutto, mi pare, c'e' tempo un mese dal rientro dal viaggio di nozze per spedire il ringraziamento.
    Giovanna

  7. love it!
    By the way, I just found your blog and I have to say that I really like it!– your style is original and I read your blog with alot of pleasure. I adore blog like yours 🙂 so.. I just wonder..if we could follow each other..Please answer! But even if your answer is “no” I’ll be still your reader

    xoxo

    your

  8. Grazie per le segnalazioni, sono molto utili e "preziose".

    Per quanto riguarda il mezzo da prediligere per ringraziare, credo che bisogna calarsi in un certo contesto ed usare il buon senso. Dopo un matrimonio è meglio rispettare le tradizioni con un biglietto cartaceo, dopo una cena a casa di amici basta una mail o un sms, non lo trovo sgradevole come gesto, ma al passo con

  9. forse il mio commento cadra` nel nulla, dato che solo ora leggo questo post.

    Mi chiedo il motivo per cui vada omesso il cognome della moglie. Adesso non si prende piu` il nome del marito, quindi mi manca il passaggio.

    Grazie

    abbiatemari

  10. Cara Abbiatemari,

    grazie di avermi scritto.

    Come sempre le norme e il galateo seguono dei principi logici e di buon senso.

    Con il matrimonio si inizia un percorso di vita insieme ed è buona norma usare sempre il cognome del marito.

    Perchè è rappresentativo del nuovo nucleo famigliare appena nato in quanto se mai arriveranno dei figli prenderanno il

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *