ASTA BENIFICA

In apparenza sembra un grande controsenso associare a cause/problemi/drammi umanitari  occasioni mondane, quelle tanto attese, per intenderci, dai “prezzemolini degli eventi”.
Niccolò Macchiavelli sosteneva che “il fine giustifica i mezzi”, quindi se lustrini, paillettes e champagne sono in grado di aiutare bambini piuttosto che la cultura o la ricerca medica, ben vengano.

 

Cene di gala benefiche, raccolte fondi ed aste sono fra le formule vincenti.
La scorsa settimana sono stata invitata ad un Asta benefica, nella splendida e suggestiva cornice di Palazzo Valextra di Milano
Palazzo Valextra – Milano
Gattinoni, Castello di Cigognola e Valextra hanno unito le forze per aiutare e sostenere “Inter Campus Cambogia” progetto realizzato da Missione Possibile Onlus.
La serata nasce con la recente inaugurazione di alcuni campetti di calcio in Cambogia: i luoghi di aggregazione sono importanti per la comunità, per la crescita e formazione dei ragazzi, perché il gioco di squadra, le regole e l’impegno sono non solo un ottimo e sano gioco, ma anche un modo per imparare a stare insieme. 

 

Sono stati messi all’asta alcuni lotti legati all’ Inter: maglie, fotografie ma anche giornate con i calciatori. Tutta la squadra era presente “in borghese”, nessuna divisa ufficiale, erano lì perché sensibili ed  attivi per la causa. Per le “fashion victim”, invece, erano a disposizione meravigliose ed eterne borse Valextra.

 

In queste occasioni, credo che non sia fondamentale  “farsi vedere” a tutti i costi mentre si fa del bene. Aiutare il prossimo è un atto privato,  nessuna ostentazione, pena sembrare dei cafoni.
Tutti possono dare il proprio contributo, in base al proprio “budget”, come “adottare a distanza” un bambino per farlo studiare, contribuendo con solo trenta euro al mese.

Essendo un cocktail alle sette di sera ho preferito non “esagerare”, optando per una via di mezzo tra uno abbigliamento da sera ed un sobrio elegante:
Giacca da smoking
BURBERRY
Canotta in seta
CoSTUME NATIONAL
Chanel 2.55
Cammeo anni ’70
Catena in oro rosa ‘800
Catena Chanel anni ’80
(per impreziosire il vestito ho pensato di mischiare delle collane molto diverse fra loro 

ma che insieme rendono, a mio avviso, un effetto armonioso)

 

Dove Nuotano gli squali

 

Cosa ne pensate di queste occasioni “mondane”? Come vi sareste vestite?
Latest Comments
  1. Eva
  2. Anonymous

Post A Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *