AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA

La nostra vita sociale, per natura, ruota intorno ai pasti.



Quale momento migliore per fare gaffe, scivolare in cadute di stile, toppare le regole auree del “bon ton”?

Kung Fu Panda, 2008

 

Se le persone a tavola, sono più di otto risulta carino utilizzare i segnaposto.
Questo piccolo strumento, voluto e ricordato  sempre nei libri di Galateo, non solo evita imbarazzi ai nostri Ospiti ed ingarbugliamenti  alla padrona di casa nella loro assegnazione, ma può anche divenire uno strumento sfizioso per  ornare e personalizzare la nostra tavola.
I cartellini segnaposto  rispecchieranno il tono dell’evento: con gli amici basteranno unicamente i nomi o soprannomi,  mentre nelle situazioni più formali titolo o carica seguiti dal cognome (“Avvocato Rossi”, “Sua Eccellenza Bianchi”, “Onorevole Verdi”)
Se l’occasione prevede più di un tavolo, come nel caso di un matrimonio, risulta imprescindibile, all’ingresso del ricevimento,  una pianta delle tavole da pranzo con i nomi dei commensali. 
tinywhitedaisies.tublr.com


Farà anche tanto “convention elettorale”,  ma aiuta ad evitare code stile posta nell’ora di punta, ingorghi degni  della tangenziale alle sei del pomeriggio, stato di smarrimento stile “bambi”  nel bosco.

google images

 

I POSTI A TAVOLA

Poche coordinate per aumentare  le  probabilità di non cadere in fallo (ed essere crocefissi in sala mensa come Fantozzi)

– I padroni di casa siedono uno di fronte all’altro.

La Guerra dei Roses, 1989

 

– La padrona di casa avrà l’invitato più anziano o più importante alla sua sinistra,  mentre alla sua destra  quello che lo segue per età e importanza. In modo speculare avverrà la medesima cosa per il padrone di casa.
Indovina chi viene a cena, 1967
– Tra gli invitati di pari età e importanza si da precedenza a chi è meno intimo della casa o alla persona “forestiera”
google images
I pasti in famiglia  non hanno regole né orari.
Tutto si rimette solo al senso civile e di decoro di ognuno. 

 


Gossip Girl

 

Non serve nemmeno dire che le mura confortevoli di casa ci autorizzano a sprigionare il boscimano che c’è in noi.
Fantozzi
Se non avete a cuore gli altri, almeno fatelo per voi stessi.
Cosa ne pensate?

48 comments

  1. Le buone maniere a tavola sono quelle a cui faccio più caso. Per me i pasti sono sacri: ci si deve sedere, rilassare e gustare ciò che abbiamo di fronte. Non esistono i pranzi di corsa e se sono l'unica alternativa possibile non riesco proprio a godermeli. Per questo reputo importante il decoro a tavola -ma anche fuori- sia quando si ospita che quando si è ospitati, ma anche quando si è

  2. Io aggiungerei:
    non tediare i commensali con la radiocronaca delle ricette punto per punto e non stressarli con domande angoscianti sul gradimento.
    Insomma, rilassarsi e lasciare rilassare gli ospiti.
    In fondo è questo il senso del convivio.

    Buona giornata

    Mariella

  3. Dopo questo post devo rivedere l'assegnazione dei posti a tavola quando ho ospiti! Finora le mie regole erano solo 2: la padrona di casa (ovvero io) seduta più vicina possibile alla cucina, visto che gli avanti e indietro sono frequenti … e gli altri ospiti a loro discrezione, con i posti capotavola riservati agli ospiti più anziani o importanti. D'ora in poi farò una rivisitazione di

  4. Sante parole…negli ultimi anni le regole del bon-ton e della buona educazione vengono spesso dimenticate, per cui è utile ogni tanto ricordarle…e trovo fondamentale quello che dici tu, ossia di non ridursi a dei selvaggi semplicemente perchè siamo protetti dalle 4 mura di casa nostra…
    comunque mi fa sempre morir dal ridere la selezione di foto che fai…sempre azzeccatissima!

  5. Penso che ci sono un sacco di cose che non so sull'argomento! E che mi piacerebbe avere una bella casa grande per poter fare cenenette per più di 4 persone!

  6. Anche a me piacciono i dettagli a tavola, come i servizi, le posate, i bicchieri credo anche abbia influito il fatto che i miei genitori abbiano sempre organizzato cene con amici.

    Credo anche che il gusto si esprimere senza grandi servizi (se ci sono ovviamente meglio) quando si è giovani facendo attenzione ai particolari da te mostrati. I segnaposto sono tutti deliziosi e originali

  7. tutto molto carino!!E verrebbe quasi voglia di organizzare una di quelle cene che descrivi tu…ma si usano ancora!??!!?
    Chissà magari quando inauguro il mio appartamentinoinoino posso farci un pensiero!!Ma solo con e per gli amici!!

  8. Purtroppo il galateo è solo un caro ricordo…ormai ci manca poco che a tavola si rutti e si scorreggi…
    un tempo partecipavo a queste cene a casa di amici,eravamo anche tavolate di 10/12 persone e il tavolo era apparecchiato stile ristorante, con sottopiatti, doppi bicchieri, mille posati, poggiacoltello, etc etc… all'inizio della cena, tutti fini,composti, educati e gentili, man

  9. Ho la casa molto piccola ed invito gli amici a rate quando si tratta di pranzi o cene, qualche amico in più quando si tratta di apericene dove è sufficiente sedersi sparpagliati per il soggiorno.
    Mi piacerebbe però fare un banchetto con le controp*** ed adottare i principi destritti nel tuo post. In primis, dei bei segnaposti decorati in modo molto personale 🙂

    Un dubbio: chi dà

  10. Io sono assolutamente pro-segnaposto…Quando non ci sono e si è in tanti c'è sempre il panico del "dove mi siedo?"
    Poi puntualmente dopo aver preso posizione arriva puntualmente qualcuno con la richiesta "scusa scaleresti di un posto così accanto a me si siede tizia?" Oppure parte il "Nooo…ma perchè le ragazze non stiamo tutte insieme?"
    Insomma uno

  11. Quanto sono pacchiane quelle piante con i tavoli che si vedono ai matrimoni…ma è anche vero che sono molto utili, se non necessarie!!! Ma non sarebbe meglio pagare una gentile hostess che faccia accomodare gli invitati, tanto l'affitto del leggio e la realizzazione della pianta la fanno pagare quanto una persona in carne ed ossa! Tanto vale investire sul rapporto umano 😉

  12. Io non ho mai organizzato una "vera" cena (escludendo quelle con gli amici più intimi), anche perché vivo ancora con i miei XDDDD: PERO' quando mai mi capiterà mi ricorderò ti tutti i tuoi suggerimenti, anche perché penso debba essere molto soddisfacente organizzare una vera bella cena con tanti invitati XDDDDD
    Un bacione Clo

    http://latelierdelachouette.blogspot.it/

  13. adoro i segna posti e devo cominciare a usarli perchè già in 6 ci si chiede sempre dove mi siedo quando si arriva a 10 panico! dal prossimo invito vado di segna posti! grazie cara

  14. Ti dirò una cosa, anche se sarò fuori galateo.. ma io non amo assegnare i posti, mi sembra quasi di costringere gli ospiti a sedersi dove voglio io, e al contrario mi sento io costretta magari in un posto dove preferirei nn stare se sono ospite! 🙂

  15. Ciao, non ci conosciamo,
    mi chiamo La Spia.
    Ho letto il tuo post che è molto bello, scritto bene e con delle immagini eccellenti,
    però non sono molto d'accordo con quello che scrivi.
    Il galateo è importante quando si presentano occasioni mondane, però è sbagliato usarlo quando si è con amici e parenti obbligandoli a regole che non tutti conoscono. Ci vuole sempre buon

  16. Ciao! sto pensando di usare i segnaposto handmade anche quando siamo pochi, mi piace l'idea di un ricordino da lasciare ai miei commensali.
    un abbraccio, grazie per gli spunti preziosi!

  17. I segnaposti sono obbligatori nei pranzi particolarmente formali e sono un pratico aiuto per evitare disordine e gaffe quando gli ospiti sono numerosi. Nei miei corsi spiego sempre che essi evitano alla padrona di casa il rischio di far aspettare in piedi gli invitati in attesa che lei, colpita da improvvisa amnesia, cerchi di ricordare come li ha distribuiti a tavola. Spero che questo consiglio

  18. non riesco a non leggere i tuoi post tutti d'un fiato <3<3 sarò ripetitiva ma te lo ridico!! ADORO IL TUO MODO DI SCRIVERE <3 ti trovo sensazionale e ti stimo tantissimo <3 ps: quoto l'idea dei segna posti quando si ha più di un ospite!! evita imbarazzi e come hai tenuto a sottolineare rende la tavola molto più chic <3

  19. Come sempre un post davvero ben fatto! io credo molto nelle buone regole del galateo… certamente filtrate da sano buon senso! Ma quanto sono carini i segnaposti con le sottrazione… mi sa che questa idea te la rubo… ( sono una prof. di mate… ) A presto 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

segui @nonsidicepiacere su instagram

  • ‪Breve storia triste: bevo il caffè, ho questa visione, sono a dieta 🤦🏼‍♀️😫💪🏻 ‬#maiunagioia #buongiorno
  • Ho trovato il nuovo art director per “non si dice piacere”. Ha voluto dire la sua anche sul nuovo mediakit [lo so, la foto non è a fuoco ma a volte le cose imperfette mostrano momenti perfetti] 💙🦁📝🧡
  • A volte basta un pomeriggio più che perfetto seduti a giocare per terra per essere felici. Alla scoperta di colori, giochi e musiche ma anche di nuovi appigli per mettersi in piedi. E la consapevolezza che la vera fortuna non è vincere al superenalotto [ anche se non guasterebbe] ma di fare ciò che amiamo con chi amiamo @queriot_civita #dowhatyoulove 
#raccontalatuastoria #queriot #queriotcivita #ad
  • Lo dico a voi, per dirlo a me.
Dobbiamo ricordarci di idratarci e bere tanta acqua. Anche d’inverno. Anche quando non abbiamo sete.
Perché toglie la fame, rende più luminosa la pelle, aiuta a superare la prova costume e ti fa sentire meglio [sì oggi sono in modalità automotivazione 😅] 💦💦💦
  • Camminare con il naso all’insù è quasi sempre un’ottima idea (quando si conosce la strada, non c’è nessuno da urtare, non ci sono ciottoli su cui inciampare). Perché aiuta staccare dai propri pensieri per focalizzarsi su nuovi. Perché i punti di vista non convenzionali, solitamente, regalano grandi sorprese 😮 🌳☀️ #MilanoTiAmo
  • ‪If you continually give, you will countinually have #fortunecookie‬. 🍪🎊🎏🏮🎎🍪